BLOG : Penziero debole

Ha’ voja a dìje che cor penziero nun s’aronza


Quanno c'è chi inziste a nun capillo …


manco si je spacchi in due er cervello,


ce pòi mette dentro sale e sostanza.



Certa gente, già dar tempo de la scola,


daveno raggione a chi comanna


E piaveno per culo, si facevi na domanna


o si, ar sor maestro, je dicevi 'na parola.



Nun serveno li penzieri pe’ incantà la folla,


abbasta cojonalla e faje senti' la  storiella


che fa capì la strada de la pappatoria.



Cor penziero te ce strazzi e campi senza gloria,


armeno fino ar giorno che, ner nome de l’ideale,


cambi bandiera e te metti co' chi te vòle male.




27   Mag. 2015



La via più comoda per arrivare alla meta è seguire la strada già tracciata, meglio se asfaltata e in discesa. 
E proprio quella strada è quella che segue chi ama vivere comodamente la propria vita, godendosi le opportunità che gli si presentano ed evitando di porsi domande. Ma qualcuno le domande deve pur farsele per sapere o per orientare la direzione che dovrà seguire la società. 
Queste domande, in genere, sono scomode, particolarmente se si crede che, bilanciando differentemente certi equilibri, la qualità della vita potrebbe migliorare per tutti.  
Ma le cose, se cambiano, cambiano molto lentamente e sempre nel rispetto della legge del più forte.

Nessun commento:

Posta un commento