BLOG : Er Sapore der Tempo



Certo ch’er tempo nun cambia colore,
dopo l’inverno risboccia un fiore,
dopo che piove, se rasserena,
e se cancelleno le scritte su la rena.

Me pareno ‘n ricordo sfocato
l’amori, l’amici e le stagioni
insiem'ar sapore de'n tempo andato
e tutto ‘r gusto beato de l’emozioni.

Er fruttarolo che fischietta
Er fornaro che canta ’n ritornello
Er regazzino che strombazza in bicicletta

A la radio fanno l’indovinello,
poi Luttazzi che mette ‘na canzone,
e du’ vecchi che litigheno sur portone.





19 agosto 2016


Il sole brilla ogni giorno e le stagioni ritornano ogni anno, sempre uguali, insieme ai fiori e ai colori di un mondo che, malgrado tutto, continua nella sua corsa infinita.
E’ il colore della vita, che non si cura delle piccolezze dell'uomo e che scorre lento per la sua strada. Non cambiano i colori ma cambiano, invece, le persone, le generazioni, e ognuno si  porta via  qualcosa che non esiste, qualcosa di impalpabile, ma che trasmette sensazioni, che tramanda  il sapore del tempo.

Il sapore del nostro tempo, anche se un po confuso tra suoni, odori, abitudini e ricordi sbiaditi.

Nessun commento:

Posta un commento