BLOG : RomAmo'

Inciampi pe' nun pija' un cane che scacazza,
sbatti contro un secchione de la monnezza,
e te scapicolli dentr'a 'na buca che nun se vede,
tra'n sampietrino storto e'n marciapiede.

Un poraccio chiede, n'antro se struscia,
uno sragiona e te butta in corpo l'angoscia,
la rabbia e na gran voja d'ammollalla
a st'amante svergognata e strafottente.

Ma proprio quando la stizza è più prepotente,
te bevi un sorso d'acqua da na funtanella,
na Madonnella te guarda da 'n cantuccio,

appizzi l'orecchie e te levi un capriccio
co' na musichetta ch'arriva da Villa Borghese,
chiudi l'occhi e se scancelleno l'offese.



28 set. 2017 




“Amò’ ” è una espressione che svilisce l’amore, ma è anche il modo in cui usano chiamarsi molte coppie di ragazzi inammorati. E allore “Roma-Amo' ” è anche quell'amante svergognata e strafottente, che vorremmo lasciare perché ce ne ha fatte passare troppe, ma che ogni volta che la guardiamo negli occhi riesce sempre a farci sognare.

Nessun commento:

Posta un commento